Condividi

Come aiutare una persona con grave disturbo evitante della personalità

Di Chiara Perretti. Aggiornato: 8 settembre 2017
Come aiutare una persona con grave disturbo evitante della personalità

Da uncome.it ti abbiamo spiegato come identificare il disturbo evitante di personalità. Occorre sapere che le persone che soffrono di questo disordine non smettono di riflettere sui loro limti, stabilendo relazioni con altre persone solo se sanno che non verranno respinti. Sentire una perdita o il rifiuto per queste persone è così doloroso che preferiscono essere sole prima di rischiare di avere a che fare con altre persone. Evitando così situazioni in cui la comunicazione interpersonale è la protagonista. Ma se è un familiare o una persona vicina a te che ne soffre? Da uncome.it vogliamo spiegarti come aiutare una persona con grave disturbo evitante della personalità.

Passi da seguire:
1

Cerca informazioni sul grave disturbo evitante della personalità. Per poter aiutare il tuo familiare dovrai per prima capire cosa succede e perché.

2

Non giudicare se decide di non ricorrere a una riunione sociale per paura di essere respinto. Non criticare ne disprezzare. Ciò potrebbe solo finire per inasprire i suoi sentimenti negativi e percepire un rifiuto da parte tua, facendolo star peggio.

3

Spingilo ad uscire anche se dice sempre di no. Proponigli piani che rientrano nel suo interesse e fagli anche sapere che sarai al suo fianco e che non deve avere paura del rifiuto perché ciò che conta è divertirsi e staccare dalla vita quotidiana in compagnia.

4

Se la persona interessata accetta di essere aiutata, mostrati aperto, consiglia di andare da uno specialista per farsi aiutare. Accompagnalo alle visite se lo ritieni opportuno, affinché veda che stai al suo fianco e lo appoggi.

5

Fagli vedere che se vuole cambiare per sentirsi meglio, può farlo. Ma è la persona con il disturbo che deve fare la sua parte e sentirsi aperta nei confronti del cambiamento.

6

È importante che comprenda che vivere isolata senza contatto con le persone per il timore di un rifiuto farà in modo che stia peggio. Questo è il motivo per cui non devi rompere le relazioni con questa persona anche se si ostina a stare sola, cerca di capire cosa accade e non voltargli le spalle.

7

Rivolgersi a gruppi di sostegno con persone che soffrono per la stessa situazione, può contribuire a vedere le cose da un altro punto di vista. Se un tuo familiare o persona vicina non vuole andare all'inizio, potresti iniziare ad andare tu per informarti e una volta che vedi come funziona, dai fiducia al tuo familiare affinché si convinca anche lui e andiate entrambi.

Questo articolo è puramente informativo, in unCOME non abbiamo la facoltà di prescrivere nessuna cura né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo ad andare dal medico nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come aiutare una persona con grave disturbo evitante della personalità, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Salute mentale.

Scrivi un commento su Come aiutare una persona con grave disturbo evitante della personalità

Ti è piaciuto l'articolo?

Come aiutare una persona con grave disturbo evitante della personalità
Come aiutare una persona con grave disturbo evitante della personalità

Torna su