Condividi

Come aiutare un cocainomane a disintossicarsi

Di Michele Bonalumi. Aggiornato: 16 gennaio 2017
Come aiutare un cocainomane a disintossicarsi

Il consumo di cocaina è in costante crescita da anni per la gioia della mafie e delle organizzazioni criminali che gestiscono quello che è diventato un vero e proprio "oro bianco", e per la disgrazia di persone che spesso in maniera avventata ed incosciente, entrano in questo tunnel dal quale è veramente complicato uscire.

Non sono solo i diretti interessati a soffrire di questo problema, ma di riflesso, anche le famiglie che vedono un cambio in negativo della persona cara senza riuscire a porre rimedio. Anche tu sei in questa situazione e non sai come fare? Noi di Uncome.it proviamo a darti qualche suggerimento per capire come aiutare un cocainomane a disintossicarsi.

Potrebbe interessarti anche: Come smettere con la cocaina
Passi da seguire:
1

Il primo passo per aiutare un cocainomane a disintossicarsi è fargli riconoscere ad ogni costo di avere un problema, un'impresa non semplice dovuta alla natura stessa di questa droga. Infatti il suo meccanismo differisce per esempio da quello dell'alcool, tabacco o eroina, che costringe coloro che ne sono dipendenti a farne un uso quotidianamente per sentirsi bene.

Chi consuma cocaina al contrario, non ha bisogno di consumare questa droga tutti i giorni, e ciò genera nella persona la falsa illusione di avere il polso della situazione. Si pensa che si possa assumere la droga solo quando si vuole, per esempio quando si faccia serata in discoteca con gli amici, e limitarsi solo a queste occasioni di "svago".

Come aiutare un cocainomane a disintossicarsi - Passo 1
2

Infatti al contrario delle altre droghe elencate precedentemente, la cocaina non genera grossi problemi d'astinenza se non viene consumata quotidianamente e si può quindi rimanere periodi relativamente lunghi senza farne uso.

Questo subdolo meccanismo permette così a coloro che usano cocaina di non percepire la dipendenza, e così non sentono la necessità di dover essere aiutati da nessuno.

Come aiutare un cocainomane a disintossicarsi - Passo 2
3

Infatti le persone che soffrono di dipendenza alla cocaina riescono più o meno a condurre uno stile di vita normale, a portare a termine i propri doveri lavorativi o scolastici, insomma ad essere ancora attivo socialmente e non un "emarginato". Ma per fare questo ha sempre più bisogno della cocaina per avere maggiori energie, innescando un circolo vizioso.

4

Chi vuole aiutare un cocainomane a disintossicarsi deve avere ben in mente questo e mettere a conoscenza il tossicodipendente di questo pericoloso meccanismo, così forse potrà iniziare a rendersi conto della situazione.

In queste prime fasi in cui cercate dei convincere una persona di avere un problema con la cocaina, consiglio alle persone a loro vicine di informarsi il più possibile sul funzionamento di questa droga sulla psiche, i suoi effetti collaterali e le possibili cure. (Leggi cosa bisogna sapere se si assume cocaina)

5

Prima di combattere questo mostro, bisogna conoscerlo bene da dentro. Questo vi permetterà di sentirvi più sicuri di voi e di controbattere a tutte le obiezioni che il malato vi potrà fare.

Cercate su internet una delle tante ricerche che parlano degli effetti della cocaina sul cervello e sulla personalità di una persona, ed obbligateli a guardarli insieme. Vedendo ciò che la cocaina può causare, forse capirà in che tunnel si è cacciato.

Come aiutare un cocainomane a disintossicarsi - Passo 5
6

Inoltre la cocaina crea una sensazione di onnipotenza e stimola il narcisismo delle persone nel momento in cui viene assunta. Con questa droga ci si sente più forti e capaci di fare qualsiasi cosa. La reputazione su stessi è ai massimi storici.

Anche questo è uno dei meccanismi su cui gioca la cocaina. A causa dell'alto livello di autostima, pensare solo di essere aiutato o addirittura di entrare in un sert o in una comunità di recupero fa sorridere una persona che assume cocaina. Questi posti pensa che siano solo per alcolisti o per coloro che assumono droghe ancora più pesanti, non certo per loro.

7

L'orgoglio e l'autostima dovuto a quanto detto prima provoca un netto rifiuto a un aiuto esterno specializzato come centri di recupero. Accettare di entrare lì significa dichiarare al mondo le proprie debolezze, i propri problemi, immaginando cosa possa pensare la gente.

Come aiutare quindi la nostra persona cara? Spiegagli in primo luogo, in modo sereno, i cambiamenti che ha subito da quando ha cominciato ad assumere la droga, sottolineando soprattutto gli aspetti di lui/lei che amavi e che si sono persi con l'assunzione della droga, e come la sua vita abbia cambiato solo in peggio.

Fagli capire che vivere senza l'assillo di dover assumere una sostanza, tra l'altro molto nociva, lo farà sentire più libero e in pace con se stesso, reintegrandolo sempre di più nella società.

8

Spiegagli che se vuole recuperare la sua vita deve farsi aiutare per forza, e che finire in un centro specializzato d'aiuto di questi casi non è un disonore, ognuno infatti può sbagliare nella vita. Anzi tentare di risollevarsi e ricostruirsi una vita non è niente di vergognoso, ma anzi un atto di coraggio e maturità.

Se alla persona affetta danno molto fastidio "i pettegolezzi di paesi" puoi sempre dire che la famiglia si impegnerà a mantenere la discrezione e che nessuno al di fuori di essa saprà del trattamento di recupero.

9

Non farlo sentire mai solo nel percorso di recupero, perché uno dei motivi più comuni che spinge le persone ad assumere cocaina è per l'appunto la solitudine, che il tossicodipendente cerca di combattere appunto con queste "sostanze ricreative". L'appoggio della famiglia e degli amici è quindi fondamentale per aiutare un cocainomane a smettere, insieme chiaramente all'aiuto di centri organizzati.

10

Inoltre si può chiedere una consulto anche a uno psicologo per capire quali sono state le ragioni che hanno portato a questa dipendenza, ed una volta individuate, cercare di combatterle.

Bisogna capire cos'è che la cocaina offre al paziente, quali debolezze maschera, in modo tale che possa essere sostituita con qualcosa di costruttivo. Inoltre bisognerà recuperare quei bisogni, quegli interessi e quei rapporti che la cocaina ha sottratto alla persona, in modo tale che il percorso porti a un pieno recupero del paziente.

Questo articolo è puramente informativo, in unCOME non abbiamo la facoltà di prescrivere nessuna cura né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo ad andare dal medico nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come aiutare un cocainomane a disintossicarsi, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Salute mentale.

Scrivi un commento su Come aiutare un cocainomane a disintossicarsi

Ti è piaciuto l'articolo?
1 commento
Irene
Sto rovinando la vita del mio compagno e la mia. Non sono più io.. Aiuto!!
Stefania Morese (Autore/autrice di unCOME)
Ciao Irene! Per prima cosa è un bene che hai riconosciuto il tuo problema e vuoi aiutare te e il tuo compagno ad uscirne. La cosa che ti posso consigliare di base è rivolgerti ad un centro di recupero, ma poi devi sapere che il migliore aiuto per uscirne fuori lo trovi dentro di te. Metticela tutta, vedrai che la tua vita inizierà a prendere una strada migliore! Un grande saluto dalla redazione di UnCome

Come aiutare un cocainomane a disintossicarsi
1 di 4
Come aiutare un cocainomane a disintossicarsi

Torna su