Condividi

Come riconoscere e curare una ferita infetta

Di Chiara Perretti. Aggiornato: 14 novembre 2017
Come riconoscere e curare una ferita infetta

Quando si rileva una ferita infetta è perché la pelle ha perso la sua continuità ed è stata esposta ad agenti contaminanti. In alcuni casi i segni d'infezione sono molto chiari, in quanto si osservano cambiamenti nella pelle connessi alla temperatura, il colore, il tatto, la comparsa di secrezioni e l'aspetto. Su imparaCOME ti mostriamo come riconoscere e curare una ferita infetta.

Potrebbe interessarti anche: Perché una ferita puzza?
Passi da seguire:
1

Dopo una ferita alla pelle per una contusione, un taglio e/o una ferita chirurgica, bisogna stare attenti all'evoluzione della ferita durante il processo di cicatrizzazione. È segno di una buona evoluzione su una ferita aperta:

  • colore roseo
  • temperatura tiepida della pelle
  • indolore al tatto
  • senza segni di infiammazione

Ma esistono una serie di segnali che aiutano a chiarire lo stato della ferita che ti spieghiamo di seguito.

Come riconoscere e curare una ferita infetta - Passo 1
2

Quando tocchiamo una ferita e ci rendiamo conto che al tatto è calda, possiamo iniziare a capire che c'è una possibile infezione in corso. La pelle deve stare sempre a una temperatura compresa tra 35 e 36,9ºC, se con i polpastrelli noti che la ferita ha una temperatura superiore, potrebbe essere infetta.

3

L'aumento locale di temperatura della pelle di solito è accompagnato da un'infiammazione dei bordi della ferita. Ricorda che l'infiammazione si manifesta con il gonfiore e l'arrossamento della pelle. Devi sapere che nelle ferite chirurgiche con punti è normale una lieve infiammazione durante i primi giorni nella zona di inserzione.

4

Nel riconoscere e curare una ferita infetta è probabile che, se la ferita è infetta, sia anche accompagnata da dolore che può manifestarsi durante le cure, con l'attrito, muovendo o toccando la zona, ecc. Il dolore è un sintomo acuto di solito accompagnato dai segni precedenti e che la maggioranza dei pazienti definiscono come pungente.

5

Per saper riconoscere e curare una ferita infetta o che una ferita si sta sviluppando bene, occorre anche esaminarla e riconoscere che ha un buon aspetto. Ciò può essere determinato maggiormente dal colore, ma per essere più prudenti occorre controllare la crescita dei bordi. Sulle ferite infette è un segno tardivo ma si riconosce perché questi sono irregolari, cioè non crescono con continuità.

6

L'ultimo segno di infezione più evidente e semplice da diagnosticare che potrai riconoscere su una ferita è la comparsa di una secrezione purulenta. Quando una ferita espelle secrezione, potete accorgervene dal bendaggio è macchiato o se quando si stringe la ferita esce un liquido di colore verde-giallastro molto denso.

7

Per riconoscere e curare una ferita infetta occorre seguire dei semplici passi abituali: lavare la zona con siero fisiologico o con acqua e sapone neutro e asciugare con una garza sterile. È importante durante il lavaggio eliminare ogni tipo di secrezione e accertarsi che la ferita sia pulita. Dopo aver asciugato la ferita infetta dovrai applicare una pomata antibiotica e chiudere la ferita con una garza e cerotto per evitare il contatto con agenti contaminanti. Sono esempi di pomate antibiotiche il furacin o il fucidine; la scelta della pomata deve avere un criterio professionale poiché ciascuna si applica in funzione dello stato della ferita e potrebbero esserci alcuni accorgimenti specifici da rispettare.

Se ti trovi di fronte una ferita che presenta questi segni è fondamentale consultare un operatore sanitario per ottenere consigli sul da farsi.

Come riconoscere e curare una ferita infetta - Passo 7

Questo articolo è puramente informativo, in unCOME non abbiamo la facoltà di prescrivere nessuna cura né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo ad andare dal medico nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come riconoscere e curare una ferita infetta, ti consigliamo di visitare la nostra categoria La salute della famiglia.

Scrivi un commento su Come riconoscere e curare una ferita infetta

Ti è piaciuto l'articolo?
1 commento
martina
mi sono operata al tunnel carpale e hanno tolto i punti da tre settimane ma la ferita è rimasta arrossata , dà prurito e sono comparse delle bollicine infette. Ho usato il Gentalin per diversi giorni ma non ottengo risultati. Cosa posso fare?
Luigi Nicastro
Cara Martina,

Dopo tre settimane dovrebbe essere in via di guarigione. Vai dal medico per chiedere quale infezione è in atto nell'area della ferita, così sarà lui stesso consigliarti un buona terapia.

Un saluto dalla redazione di UnCome!

Come riconoscere e curare una ferita infetta
1 di 3
Come riconoscere e curare una ferita infetta

Torna su