Condividi
Condividi in:

Quali sono i piatti regionali tipici di Pasqua

Valutazione: 5 (8 voti)
condiviso 2 volte
 
Quali sono i piatti regionali tipici di Pasqua
Immagine: donna.nanopress.it

La Pasqua è un’importante festività religiosa, che oltre al significato strettamente cristiano, è legata al risveglio e alla rinascita della natura. Dopo i quaranta giorni di penitenza e sacrificio della Quaresima, l’attesa domenica di Pasqua è tradizionalmente festeggiata con un ricco e abbondante pranzo. Le tavole di tutta la penisola italiana sfoggiano deliziosi piatti tipici del periodo pasquale. Se pensate che l’agnello e la colomba siano le uniche prelibatezze preparate per Pasqua, questo articolo vi sorprenderà! Grazie a unCome.it scoprirete quali sono i piatti regionali tipici di Pasqua. Dalle lasagne verdi emiliane ai carciofi alla romana, la Pasqua italiana è un gustoso mix di ricette e sapori tipici della nostra tradizione gastronomica.

Potrebbe interessarti anche: Come fare una salsa di mandorle

Lasagne verdi alla bolognese (Emilia Romagna)

Le lasagne verdi sono un piatto tipico della cucina bolognese. A differenza delle lasagne tradizionali, la sfoglia all'uovo è impastata con bietole o spinaci, da cui appunto il colore verde. Il ripieno è a base di ragù e besciamella, con una spolveratina di parmigiano reggiano per ogni strato. La cottura al forno (25-30 minuti) è molto importante per formare una crosticina croccante sulla superficie delle lasagne.

Immagine: donnamoderna.com

Capra alla neretese (Abruzzo)

La capra alla neretese è una specialità della cucina abruzzese. Questo semplice piatto si realizza rosolando pezzetti di carne di capra con olio d’oliva e cipolla. Una volta soffritta la cipolla si aggiunge acqua in modo da procedere con la cottura della carne. Quando tutta l’acqua è evaporata, si uniscono i pomodori tritati. Si lascia cuocere per circa un’ora, aggiungendo acqua se necessaria. Ultimata la cottura della carne, si uniscono i peperoni fritti, cucinati separatamente.

Immagine: corriere.it

Torta Pasqualina (Liguria)

La torta Pasqualina è una classica torta salata della tradizione ligure. Il ripieno è a base di ricotta, bietole, uova, parmigiano e pecorino. La preparazione è molto semplice. Dopo aver lessato le bietole si uniscono i formaggi e si mescolano accuratamente in modo da formare un composto omogeneo. A questo punto si riveste una teglia con la pasta sfoglia e si versa il ripieno con attenzione. Prima di coprire la torta con la pasta sfoglia, si formano tre o quattro incavi nel ripieno, nei quali si lasciano cadere tre o quattro uova intere, che diventeranno sode durante la cottura. Si riveste con cura la torta con la pasta sfoglia e si inforna per 45 minuti. E’ consigliato servire la torta Pasqualina tiepida o fredda, come antipasto o merenda.

Immagine: donna.befan.it

Pinza pasquale alla triestina (Friuli)

La pinza triestina è un pane dolce di origine friulana che si prepara soprattutto nel periodo pasquale. Per la preparazione è fondamentale attenersi ai lunghi tempi di lievitazione. L’impasto è a base di farina, latte, burro, lievito, uova e zucchero. Per questo pane dolce sono necessarie tre lievitazioni e una cottura di circa un’ora e mezza. E’ quindi consigliato iniziare la preparazione il sabato santo se si desidera gustare la pinza il giorno di Pasqua. Si può aromatizzare l’impasto con la buccia grattugiata di un limone e con gocce di vaniglia o rosa. La pinza triestina si può consumare con crema di cacao o marmellata, ma può essere anche accompagnata da salumi e formaggi.

Immagine: cucchiaio.it

Carciofi alla romana (Lazio)

Un contorno sfizioso per il pranzo di Pasqua sono i famosi carciofi alla romana. Questa specialità laziale d’origine antichissima, unisce il dolce gusto del carciofo al sapore intenso dell’aglio e del prezzemolo. La menta romana e il limone conferiscono al piatto un tocco unico e delicato. La preparazione semplice e veloce rende questa ricetta adatta a pranzi speciali come la Pasqua.

Immagine: lacucinadilalla.com

Brasato al barolo (Piemonte)

Il Brasato al Barolo è un piatto tipico della cucina piemontese che tradizionalmente viene cucinato per le grandi occasioni come il pranzo pasquale. Si tratta di uno stufato di carne bovina cotto a lungo nel pregiato vino Barolo. E’ consigliato marinare nel vino la carne con le verdure per almeno 12 ore. La preparazione è abbastanza lunga ma semplice. Le verdure tritate (cipolle, carote, sedano) si soffriggono nel burro e una volta cotte si procede con la cottura della carne. Dopo aver lasciato rosolare la carne qualche minuto con le verdure, si uniscono il vino e le spezie. Si aggiunge qualche cucchiaio di passata di pomodoro e si lascia cuocere a lungo a fuoco lento. Quando la carne risulterà cotta, si frullerà finemente la salsa. Si può servire il brasato accompagnato da patate o con polenta calda.

Immagine: donnamoderna.com

Pastiera napoletana (Campania)

La Pastiera è un dolce napoletano legato al periodo pasquale. Famosa in tutto il mondo, la Pastiera è diventata uno dei simboli della cucina partenopea. La preparazione è abbastanza lunga e complessa, ma il risultato è eccezionale. Per prima cosa si prepara la base della torta impastando burro, uova, zucchero e farina. Il ripieno è un composto a base di ricotta, canditi, zucchero, uova, scorza di limone, cannella e grano tenero cotto precedentemente nel latte. Il tutto verrà aromatizzato da acqua di fiori d’arancio. Una volta collocata la base nella teglia, si verserà il composto e si decorerà la superficie con losanghe di pasta. E’ necessaria un’ora di cottura a 180 gradi. La Pastiera si serve fredda, con una spolveratina di zucchero a velo.

Immagine: oggi.it

Pillus (Sardegna)

Il Pillus è un piatto sardo che viene cucinato per le festività pasquali. La ricetta prevede la preparazione di una pasta, a base di semolino e uova, condita con un sugo di carne. La sfoglia sottile viene tagliata in dischetti che verranno cotti in abbondante acqua bollente. Il sugo è composto da carne di coniglio con pomodorini freschi, aromatizzati con basilico, aglio e pepe. E’ consigliato servire il piatto caldo con una scaglie di pecorino sardo. Il risultato è strepitoso.

Immagine: lafataaifornelli.blogspot.com

Se desideri leggere altri articoli simili a Quali sono i piatti regionali tipici di Pasqua, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Ricette.

Commenti (0)

Scrivi un commento su Quali sono i piatti regionali tipici di Pasqua

Ti è piaciuto l'articolo?

Quali sono i piatti regionali tipici di Pasqua
Immagine: donna.nanopress.it
Immagine: donnamoderna.com
Immagine: corriere.it
Immagine: donna.befan.it
Immagine: cucchiaio.it
Immagine: lacucinadilalla.com
Immagine: donnamoderna.com
Immagine: oggi.it
Immagine: lafataaifornelli.blogspot.com
1 di 9
Quali sono i piatti regionali tipici di Pasqua