Condividi

Quali sono i sintomi dell'atrofia vaginale

 
Di Chiara Perretti. Aggiornato: 7 novembre 2017
Quali sono i sintomi dell'atrofia vaginale

L'atrofia vaginale, conosciuta anche come vaginite atrofica, è un disturbo caratterizzato da un restringimento delle pareti vaginali, la mancanza di lubrificazione naturale e, di conseguenza, la comparsa di secchezza e infiammazione nella zona intima. Questo è un problema molto frequente nelle donne in menopausa dato che è causato da un calo dei livelli di estrogeni nel corpo femminile. Può apparire anche in altre fasi della vita ed essere un sintomo associato ad altri fattori, ma in tutti i casi è necessario un trattamento adeguato per attenuare i sintomi e prevenire altri problemi quali infezioni vaginali o patologie del tratto urinario. Per conoscere altri dettagli, nel seguente articolo di unCome ti mostriamo quali sono i sintomi dell'atrofia vaginale, così come le sue cause e le possibili modalità di trattamento disponibili.

Potrebbe interessarti anche: Quali sono i sintomi di un'infezione vaginale
Passi da seguire:
1

L'atrofia vaginale oppure vaginite atrofica è una condizione che succede in risposta alla diminuzione dei livelli di estrogeni nel corpo femminile. Sono il principale ormone sessuale femminile e, tra l'altro, le sue funzioni sono la distribuzione di grasso nel corpo, fornire nutrienti alle cellule epiteliali della vagina, nonché favorire l'ispessimento e la lubrificazione della vagina.

Il calo di gli estrogeni è una cosa comune tra le donne che si trovano in menopausa e approssimativamente il 50% di esse presenta vaginite atrofica in questa fase o dopo di essa, oltre ad altri sintomi associati alle alterazioni ormonali che avvengono nel corpo femminile. Tuttavia, non è una condizione che può apparire solo nella menopausa, poiché ci sono molti altri fattori che possono comportare una diminuzione degli estrogeni e dare luogo alla sofferenza di atrofia vaginale. Ecco quali sono:

  • Durante l'allattamento materno.
  • Assunzione di alcuni farmaci che possono ridurre i livelli di estrogeni, come quelli somministrati per il trattamento del cancro al seno, l'endometriosi o i miomi.
  • Dopo trattamenti per il cancro, come chemioterapia o radioterapia applicata sulla regione pelvica.
  • Dopo l'asportazione delle ovaie.
  • Subire stress severo o depressione.
  • Realizzare esercizio fisico in eccesso.
  • Il fumo
  • Non aver mai avuto un parto per via vaginale.
Quali sono i sintomi dell'atrofia vaginale - Passo 1
2

L'atrofia vaginale è caratterizzata dall'infiammazione e restringimento delle pareti vaginali e la comparsa di secchezza a causa della mancanza di lubrificazione naturale. Tutto ciò aumenta il rischio di avere problemi di salute nella zona genitale, come infezioni vaginali, oltre a quelle del tratto urinario. Talvolta, si tratta di una condizione asintomatica ma quando invece si manifesta, i sintomi dell'atrofia vaginale più comuni che possono sperimentare le donne sono i seguenti:

  • Secchezza vaginale.
  • Minore lubrificazione naturale.
  • Prurito o bruciore vaginale.
  • Bruciore o irritazione urinando.
  • Secrezioni vaginali biancastre o leucorrea.
  • Dolori o fastidi avendo rapporti sessuali, condizione nota in medicina come dispareunia.
  • Sanguinamento leggero dopo i rapporti sessuali.
  • Incontinenza urinaria.
Quali sono i sintomi dell'atrofia vaginale - Passo 2
3

Di fronte alla manifestazione dei sintomi citati, è fondamentale andare dal medico per una diagnosi sicura e avviare il trattamento appropriato in ciascun caso. Quest'ultimo è indispensabile per combattere la secchezza vaginale, migliorare la qualità di vita della paziente ed evitare possibili complicazioni e problemi di maggior gravità che compromettano la salute della zona intima.

Lo specialista effettuerà un esame fisico e ginecologico per verificare se le pareti vaginali sono più sottili e arrossate, nonché prove più specifiche come la citologia vaginale, l'esame a fresco o studi ormonali. Questi ultimi si realizzano per sapere con certezza se la paziente è entrata nella fase della menopausa.

Quali sono i sintomi dell'atrofia vaginale - Passo 3
4

Esistono diversi trattamenti per l'atrofia vaginale ma questi dovranno essere stabiliti in funzione della gravità dei sintomi e dello stato di salute di ogni paziente. Quando la sintomatologia si presenta in maniera moderata o severa, è possibile che il medico prescriva un trattamento ormonale con gli estrogeni. Questo può essere prescritto per essere usato in modo locale direttamente sulla vagina, è disponibile in vari formati come creme, compresse, supposte, anelli, ecc. e servirà per evitare la comparsa della maggior parte dei sintomi e garantire il benessere dell'interessata.

D'altro canto, ci sono casi concreti molto sintomatici, in cui può essere necessario somministrare estrogeni a livello sistemico. Tuttavia, questi possono produrre importanti effetti collaterali e si dovrà fare particolare attenzione in certe pazienti, come quelle che soffrono di cancro al seno.

Quali sono i sintomi dell'atrofia vaginale - Passo 4
5

D'altro canto, è raccomandato ricorrere all'uso di creme idratanti per la zona intima e lubrificanti vaginali per combattere il problema della secchezza vaginale ed evitare i fastidi che possono verificarsi avendo rapporti sessuali. Questo tipo di lozioni aumentano la lubrificazione della vagina e aiutano a mantenerla umettata per ore. Nel caso dei lubrificanti per il coito, i più consigliati sono quelli con una base acquosa, poiché gli altri potrebbero aumentare il rischio di subire qualche tipo di infezione.

Inoltre, per preservare il flusso vaginale ed evitare, nella misura del possibile, la secchezza vaginale vanno presi in considerazione raccomandazioni come le seguenti:

  • Utilizzare il profilattico in tutte le relazioni sessuali.
  • Mantenere una buona igiene intima, facendo in modo che la zona vaginale sia sempre asciutta e pulita.
  • Lavare la zona intima prima e dopo i rapporti sessuali e fare uso di un lubrificante a base di acqua.
  • Evitare le docce vaginali e l'uso di saponi aggressivi, profumi, deodoranti, ecc.
  • Portare intimo di cotone ed evitare l'utilizzo di pantaloni troppo stretti.
  • Mantenersi ben idratata e bere almeno 1,5 o 2 litri di acqua al giorno.
Quali sono i sintomi dell'atrofia vaginale - Passo 5

Questo articolo è puramente informativo, in unCOME non abbiamo la facoltà di prescrivere nessuna cura né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo ad andare dal medico nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere.

Se desideri leggere altri articoli simili a Quali sono i sintomi dell'atrofia vaginale, ti consigliamo di visitare la nostra categoria La salute della famiglia.

Scrivi un commento su Quali sono i sintomi dell'atrofia vaginale

Ti è piaciuto l'articolo?

Quali sono i sintomi dell'atrofia vaginale
1 di 6
Quali sono i sintomi dell'atrofia vaginale

Torna su