Condividi

Come curare la bartolinite

 
Di Chiara Perretti. Aggiornato: 16 gennaio 2017
Come curare la bartolinite

La bartolinite è l'infiammazione delle cosiddette ghiandole di Bartolini, le quali si trovano giusto ai lati dell'apertura vaginale. Il loro ruolo è produrre una sorta di liquido mucoso che mantiene l'ingresso della vagina umido; tuttavia, quando si ostacola l'orifizio di uscita, il liquido non può drenare verso l'esterno e rimane ostruito all'interno, cosa che finisce per causare che la ghiandola in questione aumenti di dimensioni e produca una cisti. Questa può essere più o meno grande e se esiste infezione, sarà dolorosa e molto fastidiosa per la donna. Continua a leggere questo articolo di unCome per saperne di più su questa patologia, ti spieghiamo come curare la bartolinite e anche le cause e i sintomi più comuni.

Potrebbe interessarti anche: Come curare le perdite marroni
Passi da seguire:
1

L'infiammazione delle ghiandole di Bartolini o dei condotti delle stesse può essere causata da vari fattori, tra i quali si trovano i seguenti:

  • Infezioni batteriche: quando i batteri arrivano fino ai condotti delle ghiandole di Bartolini, questi s'infiammano e, pertanto, non possono svuotarsi ed espellere le secrezioni vaginali che mantengono lubrificato l'ingresso della vagina. Se la ghiandola si infetta, si produce ciò che viene definita cisti di Bartolini.
  • Cisti di Bartolini: in questo caso, è un'unica parte a limitare la secrezione della ghiandola, causando un'ostruzione della stessa e la formazione di una cisti. Se a questa si somma l'infezione batterica, il risultato è una bartolinite.
  • Malattie sessualmente trasmissibili: in alcuni casi, i batteri che provocano l'infiammazione possono essere i responsabili di certe MST, come la gonorrea o la clamidia.
  • Altre malattie: in altre, i batteri responsabili provengono da altre parti dell'organismo, come nel caso dell'Escherichia coli, proveniente dall'intestino, o dello Stafilococco aerus, dalla pelle o le vie respiratorie.
Come curare la bartolinite - Passo 1
2

Conoscendo le cause, è importante sapere quali sono i sintomi della bartolinite e quali manifestazioni possono percepire le donne che ne soffrono. In molti casi, è possibile che non si sperimentino sintomi; tuttavia, quando la cisti cresce e aumenta di dimensioni, i segni più frequenti sono:

  • Si può palpare o notare un rigonfiamento rotondo e sensibile al tatto su una delle labbra vaginali, accanto all'orifizio vaginale.
  • In caso di infezione, questo rigonfiamento può causare fastidio ed essere particolarmente doloroso camminando, sedendosi o durante i rapporti sessuali.
  • Infiammazione e arrossamento del labbro vaginale colpito.
  • Febbre, anche se non è molto comune.
Come curare la bartolinite - Passo 2
3

È essenziale, se noti un rigonfiamento doloroso su uno delle labbra della vagina o senti fastidi nella zona intima che non passano, consultare il medico o ginecologo. Questi analizzerà i sintomi descritti ed effettuerà le prove necessarie per determinare qual è la causa precisa della bartolinite. È possibile prenda campioni delle secrezioni vaginali per individuare l'agente patogeno responsabile o se ci sono malattie sessualmente trasmissibili, come la gonorrea o la clamidia.

Inoltre, nelle pazienti che superano i 40 anni di età, si può consigliare anche la raccolta di un campione di tessuto per escludere la presenza di cellule cancerose.

Come curare la bartolinite - Passo 3
4

Il modo per curare la bartolinite si stabilisce sulla base del grado e dell'intensità dell'infiammazione, nonché se esiste infezione o meno, per cui può variare considerevolmente da una paziente all'altra.

Quando esiste infezione o è stato diagnosticato che la responsabile è una determinata malattia sessualmente trasmissibile, il medico prescriverà un trattamento antibiotico per eliminare l'agente patogeno causante. È essenziale non sospendere il trattamento prima della conclusione e seguire severamente tutte le istruzioni fornite dallo specialista per quanto riguarda il consumo dei medicinali.

Come curare la bartolinite - Passo 4
5

Nei casi lievi si realizzerà un controllo delle dimensioni del rigonfiamento e si può contribuire al suo drenaggio spontaneo realizzando lavaggi al bidet con acqua tiepida diverse volte al giorno. Per farlo, dovrai solo riempire una bacinella con acqua o usare il bidet, facendo in modo che la zona colpita sia coperta e rimanere in quella posizione per alcuni minuti. Puoi farlo anche direttamente in una vasca, come ti viene più facile. Ripeti il trattamento circa 3 o 4 volte al giorno per ridurre l'infiammazione e sentire sollievo.

Lo stesso effetto disinfiammante e lenitivo possono darlo gli impacchi umidi caldi, quindi applicarli sulla zona è un'altra misura che puoi adottare se soffri di bartolinite.

Per attenuare i dolori acuti e curare la bartolinite, si possono prendere medicinali analgesici e antinfiammatori, come il paracetamolo o l'ibuprofene, ma è importante farlo sotto supervisione medica e rispettando al contempo le indicazioni per quanto riguarda la dose adeguata.

Come curare la bartolinite - Passo 5
6

Se i trattamenti non sono efficaci e non danno i risultati sperati, è possibile dover ricorrere a un piccolo intervento chirurgico per drenare la cisti, che si effettua con anestesia locale e nell'ambulatorio medico in maniera rapida.

In altri casi, può essere necessaria l'introduzione di un catetere di dimensioni ridotte all'interno della cisti affinché la ghiandola rimanga aperta e vada drenando il liquido. Il catetere si lascia da 2 a 4 settimane per ottenere un drenaggio completo e, sebbene la paziente possa svolgere le attività quotidiane normalmente, può sperimentare fastidi o dolori, soprattutto, avendo rapporti sessuali.

7

Adottare certe misure d'igiene intima ed essere responsabili nelle pratiche sessuali è molto importante per evitare che le cisti in quella zona si infettino e prevenire che le eventuali infiammazioni si aggravino. Considera raccomandazioni come:

  • Lavare la zona intima due volte al giorno, utilizzando un sapone intimo specifico e acqua tiepida.
  • Evita l'uso di saponi aggressivi, con alcool, profumi, ecc., nonché le docce vaginali.
  • Mantieni sempre asciutta la zona intima.
  • Utilizza intimo di cotone invece dei tessuti sintetici.
  • Nel fare i bisogni, pulisciti sempre da davanti all'indietro per impedire che i germi dell'ano passino alla vagina.
  • Fai uso del preservativo in tutti i rapporti sessuali per proteggerti dalle malattie sessualmente trasmissibili.
  • Realizza gli esami ginecologici opportuni regolarmente. Nel seguente articolo puoi scoprire tutto ciò che devi sapere sulla citologia vaginale, un esame fondamentale per tutte le donne.
Come curare la bartolinite - Passo 7

Questo articolo è puramente informativo, in unCOME non abbiamo la facoltà di prescrivere nessuna cura né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo ad andare dal medico nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come curare la bartolinite, ti consigliamo di visitare la nostra categoria La salute della famiglia.

Scrivi un commento su Come curare la bartolinite

Ti è piaciuto l'articolo?

Come curare la bartolinite
1 di 7
Come curare la bartolinite

Torna su