Condividi
Condividi in:

Come allenarsi per essere un buon portiere

Come allenarsi per essere un buon portiere

Quello del portiere, è probabilmente il ruolo più difficile in una squadra di calcio. Mettersi tra i pali richiede agilità, riflessi e un'assoluta leadership in difesa. Un altro fattore importante è quello psicologico: dominare alcuni momenti del gioco e trasmettere sicurezza ai tuoi compagni sarà estrememente positivo per le dinamiche del gioco.

Il fortissimo portiere spagnolo Iker Casillas ha lasciato intendere molto chiaramente come deve comprotarsi un portiere: "Agire con tranquillità. Avere, dare e trasmettere molta tranquillità è la cosa più importante".

L'allenamento del portiere differisce molto da quello dei giocatori di movimento. Infatti, solitamente, tra loro si scambiano giusto qualche tiro al pallone mentre i portieri hanno delle tabelle di esercizi a sé stanti e devono dedicarsi principalmente ai movimenti aerobici ed al controllo del pallone in maniera difensiva.

Ma come si svolge esattamente l'allenamento di un portiere? Ecco qui i passi principali da dover conoscere e sviluppare:

Potrebbe interessarti anche: Come allenarsi per un provino di calcio

Blocco del pallone

La cosa principale è, ovviamente, parare il pallone. Quindi, in base a dove viene indirizzato il pallone devi assumere diverse posizioni. Un esercizio di base consiste nel posizionare due portieri l'uno di fronte all'altro, lasciando uno spazio di 4 o 5 metri, che calciano il pallone tra il petto e il volto dell'altro compagno. La posizione delle mani da adottare è quella che consiste nel mettere i palmi verso il pallone, con le braccia leggermente in avanti. Un semplice esercizio che ci permetterà il più delle volte di controllare il blocco del pallone.

Reazione

Un altro esercizio interessante che richiede anch'esso un compagno per poterlo realizzare: consiste nello stare seduti e bloccare il pallone lanciato dal tuo compagno che invece sta in piedi, di fronte a te. E poi si invertono i ruoli. Oltre ad allenarti, potenzierai e coordinerai la tua reazione all'arrivo del pallone.

Gioco aereo

Il portiere deve dominare il gioco aereo. Ha il vantaggio di poter usare le mani e deve essere padrone della sua area. Un esercizio molto utile è quello di bloccare la palla lanciata da un angolo, o fascia, del campo. Allenare il salto senza dimenticare di indossare le ginocchiere come protezione. Questo ti aiuterà a controllare le palle alte, senza precluderti l'ausilio dei pugni per colpire il pallone, importante per allontanare il pericolo.

Tiri da fuori area

Si consiglia di praticare questo esercizio alla fine della sessione, quando siamo già più "tonici". Posizionandoci sotto i pali, riceveremo i tiri da fuori area. In questo modo metteremo in pratica la reazione e l'elasticità, poiché, nei limiti del possibile, riceveremo i tiri alle estremità della porta. È importante mantenere la posizione corretta a seconda della posizione dell'avversario col fine di chiudere quanto più possibile lo specchio della porta.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come allenarsi per essere un buon portiere, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Sports.

Commenti (1)

Scrivi un commento su Come allenarsi per essere un buon portiere

Ti è piaciuto l'articolo?
1 commento
Dario Di Stasio
Io sono molto bravo come portiere ma non riesco a tuffarmi ogni voltamche ci provo le gambe si bloccano e mi viene sempre da pensare che possa rompermi un braccio o una gamba nell'atterraggio

Come allenarsi per essere un buon portiere
Come allenarsi per essere un buon portiere