Condividi
Condividi in:

Mancinismo: curiosità e informazioni sui mancini

Mancinismo: curiosità e informazioni sui mancini

Il mondo dei mancini da sempre affascina e desta diffidenza, sospetto e pregiudizi da parte dei 'normali', i destrorsi, che li vedono come dei diversi. La mano del diavolo, come fu definita nel medioevo, caratterizza tutti coloro che accordano la preferenza alla mano sinistra per compiere azioni spontanee o volute. Sono molte le leggende, i miti metropolitani e le idiozie che si sono dette e scritte nel corso dei secoli su questa particolarità di una parte della razza umana, per cui in questo articolo di uncome.it vogliamo chiarire con equilibrio e dati scientifici i principali dubbi sul mancinismo.

Potrebbe interessarti anche: Cosa sono i registri akashici

Storia e discriminazioni sui mancini

La parola mancino in italiano deriva etimologicamente dal latino mancus cioè monco, mutilato storpio, che già la dice lunga sui pregiudizi che quasi tutte le culture hanno sviluppato nei confronti dei mancini. Anche in inglese, la parola lefty o left handed ha una connotazione negativa e spregiativa. Pensiamo ad espressioni come "nato sul lato sinistro del letto" presagio di sfortuna così come "ti sei alzato con il piede sinistro"; una persona che non ci ispira fiducia avrà " uno sguardo sinistro".

Chi ci inganna o ci truffa ci ha giocato "un tiro mancino", o anche nel mondo assicurativo "un sinistro" non è altro che un incidente. In molte altre lingue del mondo il vocabolo usato per dire sinistra o mancino ha una connotazione negativa: in francese "gauche" significa sinistra, ma anche goffo, difficile e sgraziato, in greco la parola che denomina la sinistra è "skaios" o "ill-omen" che significa anche malato o scomodo.

L'espressione spagnola "no ser zurdo" significa essere intelligente, ma la traduzione esatta è "non essere mancino". Gli Incas erano una delle poche culture che consideravano l'essere mancini una fortuna. La situazione non è migliorata con il passare dei secoli visto che tutte le religioni monoteiste hanno sempre visto i mancini con sospetto, ricordiamo che sia nella tradizione ebraica che musulmana la mano sinistra è considerata impura, e deputata solo ad azioni considerate degradanti, come ad esempio l'igiene intima.

Durante il Medioevo, nel periodo dell'Inquisizione, i bambini mancini erano considerati esseri demoniaci e frutto del sodalizio della madre con il diavolo stesso. Pensiamo anche alle teorie criminologiche di Cesare Lombroso, che a parte altre aberrazioni, sosteneva che i mancini fossero spontaneamente portati alla condotta criminale. Senza arrivare a questi estremi, fino a solo una trentina d'anni fa i bambini che a scuola davano segno di voler scrivere con la mano sinistra venivano immancabilmente 'corretti', come se il mancinismo fosse una caratteristica che desta sconcerto in coloro che la osservano, qualcosa di fisiologicamente sbagliato. È invece curioso scoprire che nel mondo orientale non si è mai data troppa importanza a questa peculiarità.

Caratteristiche neurologiche e cause del mancinismo

Nonostante il costante interesse che i mancini destano nel mondo scientifico e neurologico, ancora non si conoscono con certezza le cause che rendono i mancini tali. Si sa che questa caratteristica si palesa verso i 3-4 anni di vita, quando il bambino, che comincia a compiere azioni e ad avere competenze motorie, svolge istintivamente tali atti con la mano sinistra anziché con la destra.

Calciare un pallone, tenere in mano un gelato, utilizzare la forchetta, sono tutte azioni inconsapevoli che ci smascherano come mancini. Si sa che il mancinismo ha caratteristiche ereditarie, vale a dire che si acquisisce dai genitori, anche se si tratta di un gene recessivo che può 'saltare' una generazione.

A livello neurologico si è scoperto che i mancini hanno un cervello diversamente organizzato rispetto ai destri. Mentre i destrorsi usano l'emisfero sinistro del cervello per le competenze logiche, il pensiero razionale ed il linguaggio, i mancini hanno la caratteristica di usare in prevalenza l'emisfero destro anche per queste attività. In generale, non è vero che il cervello di un mancino e di un destro funzionino in maniera speculare, in realtà nei mancini c'è semplicemente una migliore connessione ed interazione tra i due emisferi, e molte attività vengono svolte nel loro cervello integrando l'azione di entrambi.

Si considera che i mancini abbiano una marcia in più grazie a questa minor asimmetria tra i due emisferi. Infatti un maggiore sviluppo dell'emisfero destro dona loro maggior facoltà di sintesi, e un differente approccio a problemi e soluzioni pratiche visto che l'emisfero destro è la sede delle emozioni, dell'immaginazione e della creatività. Inoltre pare che i mancini abbiano una maggior consapevolezza spaziale che li rende più armonici, coordinati ed anche con un senso dell'orientamento più sviluppato rispetto ai destri. Altra caratteristica che definisce i mancini sono le tecniche di apprendimento mnemonico. Mentre i destri pensano e memorizzano per concetti, i mancini lo fanno attraverso rappresentazioni mentali, hanno una memoria fotografica.

Ciò dona ai mancini una capacità di sintesi e di intuizione che i destrorsi non possono cogliere appieno.

Diversi tipi di mancini

I mancini non sono tutti uguali. Normalmente per definire il mancinismo si tiene conto di come il soggetto usa il proprio arto superiore, l'arto inferiore e l'occhio (e l'udito anche se è difficilmente misurabile). Pertanto nel 10% che i mancini rappresentano della popolazione mondiale vi sono mancini franco omogenei e mancini disarmonici.

I primi sono i cosiddetti mancini integrali, totali, che usano di preferenza occhio, mano e piede sinistro per attività spontanee o di precisione. La gran parte degli altri mancini invece mescola la preferenza di sinistra e destra nelle attività quotidiane, si tratta dei mancini disarmonici. Percentualmente si calcola che solo il 30% dei mancini siano franco omogenei, quindi il 3% della popolazione.

Curiosità sui mancini

  • La fede nuziale si porta sulla sinistra perché nella tradizione dell'antico Egitto era considerata più vicina al cuore.
  • Numerosi studi scientifici hanno trovato correlazione tra mancinismo e schizofrenia e anche una maggior tendenza dei mancini verso l'alcolismo e le dipendenze. Non si è definitivamente appurato se tali risultati fossero realmente attendibili.
  • Anche gli animali possono essere mancini. Di fatto quasi la metà dei topi e dei gatti lo sono.
  • Il 13 agosto si celebra la giornata mondiale dei mancini.
  • Gli emisferi del cervello di un mancino comunicano più velocemente rendendoli più intellettualmente reattivi e rapidi nella sintesi.
  • I figli nati da donne ultra-quarantenni hanno il 130% in più di probabilità di nascere mancini.
  • Per un mancino imparare ad usare la destra è meno traumatico che per un destro usare la sinistra.
  • Recentemente si pensa che correggere i mancini potrebbe portare a scompensi neurologici e caratteriali duraturi.
  • Paleontologi ed esperti assicurano che fin dalla preistoria (grazie allo studio dei dipinti rupestri) la percentuale dei mancini nella popolazione si è mantenuta stabile, ed è considerata un vantaggio evolutivo.

Mancini famosi

Curiosamente, e forse a testimonianza di una diversità che non è solo apparente, moltissimi personaggi famosi eccellenti erano e sono mancini. Vediamo un po' di differenziarli rispetto ai loro campi di appartenenza.

Nell'arte ad esempio abbiamo Leonardo da Vinci, Raffaello, Michelangelo, Van Gogh e Picasso! Nella musica Mozart e Beethoven, ma anche Paul McCartney, Bob Dylan e Jimie Hendrix e i compositori Rachmaninov e Ravel per citarne alcuni. Tra gli attori mancini troviamo Charlie Chaplin, Robert De Niro, Marylin Monroe.

Altri personaggi politici e scienziati famosi sono Napoleone, Alessandro Magno, Giulio Cesare, Carlo Magno, Giovanna D'Arco, Bill Gates, Truman, Einstein, Aristotele.

Per venire ai nostri giorni anche Barack Obama è mancino, così come lo era Osama Bin Laden...

Nello sport i mancini hanno sempre eccelso, ma in questo caso probabilmente si tratta di un vantaggio dovuto al fatto di essere più imprevedibili e motoriamente speculari rispetto ai destri. Infatti questo 'vantaggio' si evidenzia maggiormente negli sport individuali come il tennis, la box o la scherma. Eccovi una breve lista di sportivi mancini:

Platini, Maradona, Nadal, Valentino Rossi, Ayrton Senna, Pelè, Connors, Monica Seles, Ivanisevic, Messi, insomma, una compagnia eccellente.

Se desideri leggere altri articoli simili a Mancinismo: curiosità e informazioni sui mancini, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Cultura e società.

Commenti (1)

Scrivi un commento su Mancinismo: curiosità e informazioni sui mancini

Ti è piaciuto l'articolo?
1 commento
Valerio
Io rientro in quella fascia di mancini franco omogenei, difatti ho da sempre fatto e faccio tutto con la parte sinistra, addirittura da piccolo scrivevo rovesciato; oggi mi rimane soltanto un po' di confusione nello scrivere alcune sillabe che di tanto in tanto scrivo al contrario. Mi dicevano che il mancinismo ha strette relazioni con la dislessia, chissà. Comunque, per rimanere coerente con l'essere mancino....mia moglie di cognome si chiama Mancini!!!
Giorgio
Valerio noi mancini siamo un'elite silenziosa che vede il mondo in maniera diversa e sorprendente. Siamo una risorsa per l'umanità.

Mancinismo: curiosità e informazioni sui mancini
1 di 4
Mancinismo: curiosità e informazioni sui mancini