Condividi

Come curare un tatuaggio

Di Chiara Perretti. Aggiornato: 16 gennaio 2017
Come curare un tatuaggio
Immagine: tattoosymusica.blogspot.com.es

La bellezza di un tatuaggio non dipende solo dallo scegliere un disegno adeguato alla nostra personalità e stile o dalle competenze del tatuatore. Il processo di cura e cicatrizzazione del tatuaggio è altrettanto importante perché lo stesso sembri sano e perfetto e questo dipende interamente da noi. È essenziale seguire alla lettera le indicazioni del tatuatore ma, se qualche punto non ti è chiaro o hai in parte dimenticato cosa ti hanno indicato, su unCome.it ti spieghiamo come curare un tatuaggio per sfoggiarlo in maniera perfetta.

Potrebbe interessarti anche: Come sapere se un tatuaggio è infetto
Passi da seguire:
1

Per realizzare un tatuaggio è necessario perforare la pelle superficialmente per lasciare marcata l'immagine che desideriamo. Ecco perché per curare un tatuaggio si devono seguire molti degli stessi passi che utilizziamo normalmente per facilitare la cicatrizzazione di qualsiasi ferita superficiale. La cura del tatuaggio va eseguita con lo stesso rigore e sanità di quella utilizzata per qualsiasi lesione o ferita.

2

Il tempo che ci mette un tatuaggio a curarsi dipenderà in larga misura dal tipo di disegno e dalle sue dimensioni: più è grande e più ce ne vorrà. Tuttavia, normalmente in una settimana potremo vedere che il nostro tatuaggio si è cicatrizzato quasi interamente se abbiamo applicato le cure necessarie.

L'igiene e l'applicazione dei prodotti cicatrizzanti devono avvenire 2-3 volte al giorno, ogni otto ore, durante la prima settimana.

Come curare un tatuaggio - Passo 2
3

Finito il tatuaggio, per prima cosa è importante non togliere la protezione di plastica. Quando il tatuaggio è terminato, la ferita della pelle sarà coperta da un gel antibatterico e una benda di plastica. Durante le prime ore non devi toglierla perché lo protegge da tutti i germi e dalla sporcizia che possono colpirlo. Dovrai attendere tra 2 e 5 ore per effettuare la prima cura. Inizia col lavare molto bene le mani, dopodiché, puoi togliere la benda di plastica e pulire il sangue: è normale che il tatuaggio sanguini. Per questo utilizzeremo un sapone antibatterico e acqua fredda o tiepida. Lavando strofina delicatamente la zona del tatuaggio senza usare alcun tipo di spugna, panno o strofinaccio.

Anche se all'inizio può farti un po' paura, vedrai che lavando il tatuaggio sentirai subito un sollievo immediato ai fastidi.

4

Per asciugare il tatuaggio utilizza una tovaglia morbida di cotone molto pulita. Non strofinare la zona, semplicemente appoggia delicatamente la tovaglia sopra per far assorbire l'acqua.

Come curare un tatuaggio - Passo 4
5

Il passo finale della cura di un tatuaggio è applicare il prodotto cicatrizzante raccomandato dal tuo tatuatore. Normalmente si suggerisce quello in crema, in tal caso applica uno strato molto sottile e lascia asciugare prima di metterti i vestiti, perché il grasso della crema potrebbe macchiarli.

6

Per curare il tuo tatuaggio dovrai ripetere le operazioni ogni otto ore per una settimana. Vedrai come, passati questi giorni, il tatuaggio si disinfiammerà e sembrerà molto più bello. Se si formano delle croste non le strappare. Inoltre, è bene sapere che è normale sentire del prurito mentre il tatuaggio cicatrizza, cerca di non grattarti e sopportalo, già è quasi guarito.

Come curare un tatuaggio - Passo 6
7

Se per qualche ragione il tuo tatuaggio, col passare dei giorni, sembra infiammato, ti prude molto o sembra infetto, è importante visitare il tuo tatuatore per un controllo.

8

Se vuoi farti un nuovo tatuaggio e vuoi avere delle idee nuove, leggi i nostri consigli che di seguito ti elenchiamo:

Se desideri leggere altri articoli simili a Come curare un tatuaggio, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Bellezza e cura della persona.

Scrivi un commento su Come curare un tatuaggio

Ti è piaciuto l'articolo?

Come curare un tatuaggio
Immagine: tattoosymusica.blogspot.com.es
1 di 4
Come curare un tatuaggio

Torna su