Condividi

Come nutrire la mia gatta dopo il parto

Di Chiara Perretti. Aggiornato: 31 ottobre 2017
Come nutrire la mia gatta dopo il parto

Se hai una gatta e ha appena partorito devi tenere a mente qualche altro orientamento per mantenerla ben alimentata ora che è madre. Durante la gravidanza avrai avuto alcune precauzioni per mantenerla sana e ben nutrita affinché i cuccioli crescessero forti e avesse sufficiente latte. Se vuoi prenderti cura della tua gatta come merita e che sia forte per allattare i cuccioli, su unCome.it ti mostriamo come nutrire una gatta dopo il parto.

Potrebbe interessarti anche: Come sapere se la mia gatta è incinta
Passi da seguire:
1

Durante le ultime tre settimane di gravidanza la gatta sarà stata nutrita con cibo di alta qualità specificamente concepito per gatti. Questo alimento è indicato affinché la gatta produca un latte molto ricco di nutrienti che i gattini necessiteranno. Immediatamente dopo il parto il suo appetito andrà calando, passerà da mangiare più del dovuto a quasi niente. È normale che la gatta subito dopo il parto non mangi molto. Anche se vedi che non vuole mangiare non smettere di darle cibo, nel giro di pochi giorni recupererà l'appetito normale.

2

Nelle 24 ore successive al parto può darsi che quasi non mangi ma devi assicurarti che abbia accesso frequente ad acqua fresca e pulita. In questo periodo è quando la gatta sta producendo il colostro, il primo alimento che la gatta darà da mangiare ai cuccioli, e ha molte vitamine, proteine e grassi per i piccoli gattini. È molto importante perché la madre trasmetta gli anticorpi ai figli. Il colostro ha un 88% di acqua, da qui l'importanza che la gatta abbia sempre acqua fresca disponibile.

Come nutrire la mia gatta dopo il parto - Passo 2
3

Durante il periodo dell'allattamento devi nutrire la gatta con mangime adeguato per gatti. La sua alimentazione deve essere speciale perché deve essere forte, sana e produrre sufficiente latte ricco di nutrienti per sfamare tutti i cuccioli. Come regola generale va alimentata 2 o 3 volte al giorno e deve sempre avere acqua pulita e fresca vicino.

A volte la quantità di cibo può essere maggiore ma ciò dipenderà dalle esigenze della tua gatta. Puoi perfino darle ogni 2 o 3 giorni qualche porzione di pollo o tonno per dare più nutrienti alla dieta. Ma è più importante che mangi e stia bene, devi prestare attenzione a non farla ingrassare in eccesso perché puoi mettere in pericolo la sua salute se la nutri troppo.

4

Col passare dei giorni la gatta inizierà a produrre meno latte perché i cuccioli cominciano a crescere e le loro richieste di latte diminuiranno. L'allattamento è un processo che dura al massimo 2 mesi, dopo c'è il momento noto come svezzamento quando i cuccioli inizieranno ad aver bisogno di cibo solido.

In 4 settimane potrai introdurre in maniera graduale il cibo che davi solitamente alla tua gatta. Se ha preso un po' di peso e non è sano varrebbe la pena parlare con il veterinario per considerare un alimento speciale per una dieta.

Come nutrire la mia gatta dopo il parto - Passo 4

Se desideri leggere altri articoli simili a Come nutrire la mia gatta dopo il parto, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Animali domestici.

Scrivi un commento su Come nutrire la mia gatta dopo il parto

Ti è piaciuto l'articolo?

Come nutrire la mia gatta dopo il parto
1 di 3
Come nutrire la mia gatta dopo il parto

Torna su