Condividi

Come si fa a far rifiorire un'orchidea

Di Stefania Morese. Aggiornato: 27 ottobre 2017
Come si fa a far rifiorire un'orchidea

L’orchidea, il fiore afrodisiaco per eccellenza, con le sue foglie verdi brillante grandi e i suoi bellissimi petali è considerato uno dei fiori piú belli ma anche piú delicati da tenere. Capita spesso che dopo la prima fioritura della pianta, giá in corso quando l’orchidea è stata regalata o l’avete acquistata, essa non ne voglia piú sapere di rifiorire. Se non volete perdere tempo a tentar rimedi come cambiare vasi, mettere concimi o cambiare terriccio, noi di UnCome vi forniamo una breve guida su come si fa a far rifiorire un’orchidea.

Potrebbe interessarti anche: Come far seccare una rosa

Illuminazione

L’orchidea è una pianta che ama molto il caldo, la temperatura a cui è sottoposta deve sempre oscillare tra i 17° e i 25°. In inverno si consiglia di lasciare la pianta a diretto contatto con i raggi del sole, perchè in questo periodo dell’anno il calore non è eccessivo e non brucia le foglie. Se volete far rifiorire l’orchidea, vi consigliamo di sottoporre la pianta durante la notte a una illuminazione di circa 13° in modo tale che si riformino gli steli.

Come si fa a far rifiorire un'orchidea - Illuminazione

Umiditá

L’orchidea è una pianta che ha bisogno di un ambiente molto umido, almeno del 70%. Per far rifiorire questo fiore vi consigliamo di riporre la pianta durante il giorno in una stanza umida della casa come il bagno, che con il vapore che evapora dopo che vi siete fatti una doccia o un bagno aiuta a creare un microclima ideale per l’orchidea.

Concime

Per far rifiorire l’orchidea consigliamo di mettere del concime liquido ricco di potassio e fosforo che favoriscono la formazione di nuovi steli.

Come si fa a far rifiorire un'orchidea - Concime

Sbalzo termico

Una tecnica molto valida nel caso in cui i nuovi steli non fossero ricomparsi spontaneamente è uno sbalzo termico, in modo da favorirne la fioritura. L’orchidea di natura fiorisce nella stagione autunnale, a conseguenza dello sbalzo termico tra il periodo caldo estivo e quello autunnale. Se questo passaggio della natura non è bastato per far rifiorire la vostra pianta, create degli sbalzi termici artefatti.

Bagnate poco la pianta

L’orchidea è una pianta che necessita di poca acqua perché se troppo innaffiata possono marcire le radici. Innaffiatela solo quando il terriccio è totalmente asciutto. Consigliamo anche di non bagnarla con il classico innaffiatore ma usate un nebulizzatore.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come si fa a far rifiorire un'orchidea, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Giardinaggio e piante.

Scrivi un commento su Come si fa a far rifiorire un'orchidea

Ti è piaciuto l'articolo?

Come si fa a far rifiorire un'orchidea
1 di 3
Come si fa a far rifiorire un'orchidea

Torna su