Condividi

Quali sono le differenze tra un dildo e un vibratore

Di Chiara Perretti. Aggiornato: 16 gennaio 2017
Quali sono le differenze tra un dildo e un vibratore

Nel vasto mercato degli accessori erotici, i dildo e i vibratori sono senz'altro i prodotti più popolari e il primo riferimento che viene in mente a molti quando si parla di questo tipo di prodotti. Ma pur sembrando uguali, ciascuno ha notevoli differenze che potrebbero rivelarsi essenziali per il raggiungimento del piacere. Per questo motivo, su unCome.it ti spieghiamo dettagliatamente quali sono le differenze tra un dildo e un vibratore, per acquistare il prodotto perfetto, adatto ai tuoi desideri.

Passi da seguire:
1

Differenza tra dildi e vibratori # 1: la funzionalità

Entrambi i nomi fanno sì che salti immediatamente agli occhi la differenza in termini di funzioni di questi due prodotti. Il dildoè un prodotto che non dispone di alcun tipo di motore che generi la vibrazione, mentre il vibratore ha incorporato un piccolo motore che funziona a batterie e che produce vibrazioni a vari livelli e intensità.

Ciò fa sì che il dildo possa essere usato puntualmente per la penetrazione vaginale o anale, mentre il vibratore può essere utilizzato anche per stimolare le zone erotiche come il clitoride, l'ingresso anale, i testicoli, ecc.

Entrambi i prodotti possono essere utilizzati sia da soli che in coppia e inoltre si possono trovare non solo per la penetrazione vaginale o anale, ma c'è un lungo elenco con diverse funzioni, ad esempio:

  • Dildi per il punto G e il clitoride
  • Dildi doppi
  • Dildi con imbracatura
  • Vibratori del tipo coniglietto rampante, che imitano i movimenti del pene durante la penetrazione
  • Vibratori a forma di uovo o dildi a comando
  • Vibratori da utilizzare in coppia
2

Differenza tra dildo e vibratori # 2: la flessibilità

Poiché i dildo non dispongono di un motore interno, sono spesso molto più flessibili dei vibratori, soprattutto quando si tratta di dildo vaginali e anali. La base è completamente malleabile di modo che all'uso si possa manipolare in modo più semplice. Poiché il vibratore contiene un motore, la base non è così flessibile, nonché il giocattolo in generale è generalmente molto più rigido rispetto al dildo. Nonostante ciò, il materiale che lo costituisce consente di garantire la morbidezza durante l'uso.

Quali sono le differenze tra un dildo e un vibratore - Passo 2
3

Differenza tra dildo e vibratori # 4: l'aspetto

Questo è uno dei punti che distingue maggiormente i dildo dai vibratori e che per alcuni utilizzatori determina la scelta. I dildo e nello specifico quelli vaginali sono apparentemente molto simili al pene, sia per forma che spessore o lunghezza (salvo in casi di dildo molto grandi o spessi), mentre il vibratore si trova sotto varie forme che possono evocare un fallo ma che non sempre lo rappresentano alla perfezione.

A seconda di gusti e fantasie di ognuno si può scegliere l'uno o l'altro.

Quali sono le differenze tra un dildo e un vibratore - Passo 3
4

Nonostante le molte differenze, vi sono anche delle somiglianze tra dildi e vibratori, ad esempio:

  • entrambi sono elaborati con materiali che sono molto morbidi durante la penetrazione, garantendo il godimento.
  • Entrambi sono un buono strumento per raggiungere il piacere sia durante le masturbazioni che in coppia.
  • Dildi e vibratori offrono molte possibilità, è solo una questione di stabilire ciò che vogliamo per scegliere il prodotto adeguato.
  • Possono essere combinati e utilizzati per aumentare il piacere, ad esempio un dildo a casa e un vibratore a forma di uovo con comando per quando usciamo nella strada, discreto e piacevole, due grandi alternative.

Se desideri leggere altri articoli simili a Quali sono le differenze tra un dildo e un vibratore, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Relazioni sentimentali.

Scrivi un commento su Quali sono le differenze tra un dildo e un vibratore

Ti è piaciuto l'articolo?

Quali sono le differenze tra un dildo e un vibratore
1 di 3
Quali sono le differenze tra un dildo e un vibratore

Torna su