Condividi

Qual è la differenza tra prosa e verso

Di Chiara Perretti. Aggiornato: 7 febbraio 2020
Qual è la differenza tra prosa e verso

Se ti piace la poesia certamente avrai sentito parlare di documenti scritti in prosa e altri in versi. Come lettore può darsi che entrambi ti sembrano belli ma, al momento di scrivere, queste forme hanno notevoli differenze, allo stesso modo in cui ci sono distinzioni tra favola e racconto o tra racconto e romanzo. Vuoi sapere qual è la differenza tra prosa epoesia? Da unCome te la spieghiamo in dettaglio e con esempi.

Potrebbe interessarti anche: Come è morto Houdini

Prosa

La prosa dal latino Oratio è la forma che adottiamo per scrivere in modo naturale, esprimendo le idee come emergono o senza dover seguire regole che ci indicano la misura che devono avere le righe che scriviamo o il ritmo delle stesse. Nella prosa, per esempio, le frasi non devono rimare, cioè la scrittura non ha regole severe come nel caso del verso.

Un esempio di prosa sarebbe:

"Strada senza luce, nasce nella mia anima un dolore profondo. Ti cerco ma non appari da nessuna parte, trovo solo un'aura, uno spettro, il ricordo che mi rifiuto di rilasciare mentre entro nell'oscurità".

Poesia

Il nome Poesia deriva dal greco Poesis cioè composizione. Secondo il vocabolario della Treccani: L’arte (intesa come abilità e capacità) di produrre composizioni verbali in versi, cioè secondo determinate leggi metriche, o secondo altri tipi di restrizione; con un certo grado di approssimazione si può dire che il sign. di poesia è individuabile nell'uso corrente e tradizionale nella sua contrapposizione a prosa, in quanto i due termini implicano rispettivamente e principalmente la presenza o l’assenza di una restrizione metrica.

Differenza tra prosa e poesia

Possiamo dunque riassumere le differenze tra prosa e poesia in:

1. Presenza o meno di versi;

2. La musicalità, o mancanza di tale, immanente alla struttura;

3. La densità retorica;

4. La ricchezza, maggiore o minore, semantica del discorso.

Verso

Il verso è l'unità metrica base per la poesia, sia sotto il punto di vista ritmico che puramente visivo. Tipograficamente è delimitato dalla discesa a capo. Nel verso si utilizzano elementi come gli accenti, le pause o il suono simile delle parole per creare una narrazione che rimi. Si tratta di una delle forme più comuni di poesia che possiamo trovare, ma la scrittura non è libera come nella prosa

Un esempio di versi di poesia sarebbe quello scritto dal poeta Pablo Neruda nel suo libro 20 poesie di amore e una canzone disperata:

"Mi piaci quando taci perché sei come assente,

e mi ascolti da lontano, e la mia voce non ti tocca.

Sembra che si siano dileguati i tuoi occhi

e che un bacio ti abbia chiusa la bocca."

Differenze tra prosa e verso

Prendendo in considerazione questi due concetti, le differenze tra prosa e verso sarebbero:

  • La prosa è scritta in maniera naturale, mentre il verso deve soddisfare alcune misure e cadenza.
  • La prosa non deve necessariamente rimare, mentre nel verso la rima è fondamentale.
  • Nella prosa non c'è metrica, invece nei versi si tiene conto della quantità di sillabe di ogni frase.

Se desideri leggere altri articoli simili a Qual è la differenza tra prosa e verso, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Oggetti fatti a mano e tempo libero.

Scrivi un commento su Qual è la differenza tra prosa e verso

Ti è piaciuto l'articolo?

Qual è la differenza tra prosa e verso
Qual è la differenza tra prosa e verso

Torna su