Quali sono gli itinerari del Cammino di Santiago

Quali sono gli itinerari del Cammino di Santiago
Immagine: catalanadventures.com

Il Cammino di Santiago è uno dei percorsi di pellegrinaggio per eccellenza. Per secoli i pellegrini cristiani, partendo dalle più diverse zone d’Europa, decisero di percorrere questo cammino in segno di devozione e penitenza. Nell’ultimo ventennio il cammino ha ripreso vita. I pellegrini d’oggi, credenti o non credenti, intraprendono questo percorso preparati ad affrontare un’esperienza nuova e indimenticabile. La dimensione del camminare, il silenzio del paesaggio, il contatto con la natura, la spiritualità interiore (non sempre legata a un credo religioso) riacquistano importanza e forza. In questo articolo di unCome.it illustreremo i diversi itinerari del cammino di Santiago, prestando particolare attenzione ai percorsi che attraversano la penisola iberica.

Gli itinerari del Cammino di Santiago

Analizzando una cartina degli itinerari del Cammino di Santiago è davvero facile perdersi. I percorsi sono moltissimi e partono dai diversi paesi europei fino a congiungersi con i cammini principali della penisola iberica. Per questo ci soffermeremo sugli itinerari principali, più conosciuti e facilmente percorribili. Bisogna sottolineare, che nonostante gli itinerari raggiungano tutti la città di Santiago di Compostela, la vera meta del pellegrino è la località costiera di Finisterre, dove sbarcarono le reliquie del santo, e la spiaggia di Longostiera, nelle cui acqua i fedeli si purificano.

Immagine: tourgalicia.es

Cammino Francese

Normalmente quando si parla di Cammino di Santiago ci si riferisce all'itinerario denominato Cammino Francese (780 km). Questo percorso è sicuramente il più famoso e più frequentato dai pellegrini. Perdersi lungo il cammino è impossibile poiché il percorso è disseminato di ostelli, ristoranti e indicazioni. Per alloggiare gratuitamente negli Albergue è necessaria la credenziale o passaporto dei pellegrini, che si può ritirare nell’abbazia di Roncesvalles. Seguendo le 34 tappe, che partono da St.Jean Pied de Port, cittadina nel territorio francese dei Pirenei, è possibile raggiungere Santiago di Compostela in poco più di un mese. Questo itinerario rappresenta il principale punto d’incontro dei numerosi cammini delle penisola iberica e dei percorsi del territorio francese (Via Tolosane, Via Podiensis, Via Lemovicensis, Via Turonensis). Lungo il cammino Francese si incontrano importanti città come Pamplona, Burgos e Leon.

Immagine: angiecafiero.it

Cammino del Nord o della Costa

Il Cammino del Nord o della Costa era percorso anticamente come alternativa al cammino francese e spesso veniva preferito dai pellegrini provenienti dai paesi del nord Europa, che sbarcavano nei Paesi Baschi. Il percorso si estende interamente sulla costa nordica della penisola iberica e tutti i porti sono tappe del cammino. In questo modo chi iniziava il proprio pellegrinaggio per via marittima, aveva la possibilità di sbarcare in tutti i porti dai Paesi Baschi, cominciando da Irun, fino alla Galizia. L’itinerario (825 km) non è completamente indicato come per il cammino francese ed è molto meno frequentato. Il paesaggio è spettacolare e il percorso è sicuramente di grande interesse naturalistico. Tra le città principali, ricordiamo San Sebastian, Santander, Oviedo e Gijon.

Immagine: takahiroh.blog.ocn.ne.jp

La Via della Plata

Questo itinerario d’origine romana, inizia nella città di Siviglia, dove termina il cammino che procede da Cadice. Attraversando verticalmente la penisola iberica per circa 1000 km, la Via della Plata si congiunge a Merida con il Cammino Mozarabe che inizia a Granada e passa per Cordova. Questo itinerario, poco conosciuto, negli ultimi anni ha visto crescere il numero di pellegrini grazie al clima più mite, rispetto ai cammini del Nord e Francese, e per le splendide città lungo il percorso come Merida, Caceres e Salamanca. L’ultimo tratto del cammino si ramifica: una via procede verso Astorga, nel nord, e si unisce alla via francese; l’altra via devia verso ovest prendendo il Cammino Sanabres.

Immagine: cronicadeunpueblo.es

Cammino Portoghese

Lo spettacolare Cammino Portoghese attraversa verticalmente il Portogallo e conta circa 650 km partendo da Lisbona. Chi decide di affrontare questo percorso scoprirà le vere difficoltà del pellegrino. Infatti questo itinerario presenta scarse segnalazioni, a volte non corrette, ed è poco frequentato, poiché attraversa zone non conosciute dai turisti. L’itinerario è normalmente suddiviso in 24 tappe che raggiungono le principali città portoghesi come Santarem, Coimbra e Oporto.

Immagine: libri.terre.it

Cammino Inglese

Il Cammino Inglese, il più corto degli itinerari presentati, è legato al pellegrinaggio del nord Europa. Infatti, soprattutto gli inglesi, iniziavano il loro percorso sbarcando nel porto di Ferrol o A Coruña. L’itinerario non è ben delineato e anticamente i pellegrini seguivano diversi sentieri per raggiungere le località, che non sono molto distanti una dall’altra.

Immagine: santiagodecompostelaparaelmundo.blogspot.com  

Se desideri leggere altri articoli simili a Quali sono gli itinerari del Cammino di Santiago, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Viaggi.