Condividi
Condividi in:

Come utilizzare le piante medicinali

Come utilizzare le piante medicinali

Sono molte le piante medicinali che ci offre la natura per trattare e alleviare varie malattie, patologie o disturbi che compromettono la buona salute dell'organismo. Sono erbe contenenti un'infinità di proprietà curative e diventate un'alternativa ricorrente ed efficace ai farmaci convenzionali a causa della minore quantità di effetti collaterali che provocano se paragonati a questi ultimi. Se vuoi sapere come utilizzare le piante medicinali e come beneficiartene, continua a leggere questo articolo di unCome.

Potrebbe interessarti anche: Come funzionano le piante medicinali

Come preparare e applicare le piante medicinali

Le piante medicinali, come detto, favoriscono la salute e ci permettono di trattare varie condizioni in maniera assolutamente naturale grazie ai principi attivi, delle sostanze chimiche naturali che agiscono come eccellente rimedio per sanare le malattie dell'organismo umano. Ma oltre a ciò, è importante tenere presente che, secondo il beneficio terapeutico che vogliamo ottenere, sarà necessario prepararle in un modo o in un altro perché così potremo favorire ulteriormente il loro effetto. A seguire, ti presentiamo tutti i modi in cui puoi utilizzare le piante medicinali, prendi nota!

Usare le piante medicinali non mescolate

  • Applicazioni dirette della pianta. Ci sono erbe e piante medicinali che non richiedono nessuna azione specifica perché le loro proprietà risultino terapeutiche. Quindi, in alcune occasioni, per esercitare la fitoterapia è necessario solo individuare la pianta adeguata e utilizzarla. È sufficiente mettere la pianta medicinale sulla pelle, sul luogo in cui vogliamo che agisca per ridurre un'infiammazione, alleviare un dolore locale, ecc. In altri, la semplice ingestione della pianta, precedentemente lavata è sufficiente per ottenere il rimedio desiderato.
  • Succhi. I succhi sono una maniera molto diffusa di ingerire i frutti delle piante. Quando si ottengono da un frutto fresco, concentrano tutti gli attivi della pianta e, se si preparano con più di un frutto, diventano una notevole iniezione vitaminica. Si possono preparare succhi anche tritando le erbe fresche o gli ortaggi.

Usare le piante medicinali a base d'acqua

  • Tisane. Sono bevande che si preparano introducendo erbe, fresche o secche, nell'acqua e lasciandole macerare affinché liberino le loro qualità. Le tisane si bevono calde ma se il caso che vuoi trattare è un'infezione urinaria sarà più opportuno berle fredde. Se ne prepari più del necessario, puoi colarla e conservarla in frigo perché può essere conservata per 48 ore.
  • Vapori. Le erbe medicinali, a contatto con l'acqua calda, emanano una serie di vapori che hanno un notevole valore medicinale. Questi sono molto utili per trattare patologie respiratorie o per pulire la pelle del viso. Per fare queste inalazioni, è importante tenere a mente che l'acqua deve essere molto calda e che devi coprire la testa con un asciugamano, affinché i vapori si concentrino come una cappa e siano più attivi.
  • Impacchi. Sono preparazioni che utilizzano come base una tisana di erbe. Per preparare un impacco basta immergere un pezzo di garza o cotone in una tisana concentrata e applicarlo direttamente sulla zona da trattare. Può variare la temperatura dell'impacco in funzione della finalità per cui si applica. Per esempio, gli impacchi freddi di camomilla sono appropriati per calmare il dolore e ridurre il gonfiore dei fastidi muscolari e ossei. Al contrario, quelli caldi sono molto utili per pulire le ferite ed evitare infezioni.
  • Cataplasmi. Sono come gli impacchi ma utilizzano direttamente l'erba come base. Quindi, ciò che si applica attraverso un impacco è un impasto ottenuto tritando le foglie, le radici o gli steli freschi di una pianta.
  • Sciroppi. Sono preparati dolci che si preparano cuocendo una tisana di erbe medicinali con zucchero. Una volta ottenuti, possono essere conservati in un luogo fresco e scuro per all'incirca un mese.

Usare le piante medicinali a base di oli

  • Pomate. Quando questi preparati hanno una base di olio vegetale di qualità, aumentano le loro proprietà poiché lo stesso olio apporta le sue virtù, aumentando l'effetto positivo del rimedio. È importante, pertanto, scegliere bene il tipo di olio da utilizzare per preparare le pomate.
  • Balsami. I balsami si preparano quasi allo stesso modo delle pomate ma non utilizzano emulsionanti di base, per cui sono meno densi. Sono molto adatti per trattare malattie dermatologiche e dei capelli, anche se possono essere utili pure per effettuare massaggi muscolari.

Usare le piante medicinali a base di alcool

Un'altra possibilità è usare le piante medicinali mediante tinture, le quali ricevono tale nome perché quando l'alcool entra in contatto con la pianta, produce una reazione chimica da cui estrae i pigmenti, quindi il liquido si tinge e scurisce. Anche se le tinture possono essere acquistate nelle erboristerie, puoi anche preparale a casa utilizzando brandy o vodka di buona qualità come base.

La tintura è un rimedio molto versatile al momento di essere somministrato; la puoi diluire in acqua per ingerirla, ma puoi anche realizzarla in altri preparati, come il succo di frutta naturale, per esempio. Puoi anche mettere alcune gocce in un bagno rilassante, mescolarla all'acqua per fare degli sciacqui o preparare un impacco bagnato in tintura e acqua.

Questo articolo è puramente informativo, in unCOME non abbiamo la facoltà di prescrivere nessuna cura né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo ad andare dal medico nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come utilizzare le piante medicinali, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Vita salutare.

Commenti (0)

Scrivi un commento su Come utilizzare le piante medicinali

Ti è piaciuto l'articolo?

Come utilizzare le piante medicinali
1 di 6
Come utilizzare le piante medicinali