Condividi

Come controllare la tachicardia

Di Giorgio Gattoni. Aggiornato: 13 novembre 2017
Come controllare la tachicardia

Immagina di essere all’interno di un negozio cercando di trovare gli alimenti adatti per il pranzo perfetto, o magari stai accompagnando i tuoi bambini a scuola prima di andare a lavorare, quando improvvisamente il tuo cuore inizia a battere velocemente. Hai la sensazione che il cuore voglia uscire dal petto. Diventa difficile respirare ti gira la testa e sei anzioso. Probabilmente penserai di star per avere un attacco al cuore. Dopo qualche respiro peró, ti accorgi che il tuo ritmo cardiaco incomincia ad essere normale. Se ti capita questo, sappi che si tratta di tachicardia. È qualcosa che capita a chiunque, non è mortale, ma sicuramente sconvolgente. Se ne soffri, in questo articolo di UnCome ti spieghiamo come controllare la tachicardia.

Potrebbe interessarti anche: Come curare le emorroidi
Passi da seguire:
1

Stimolazione del nervo vago:

Se soffri di tachicardia che inizia nella parte superiore del cuore, come la tachicardia sopra-ventricolare (TSV), segui i seguenti consigli:

  • Trattieni il respiro e la tensione, immergi la tua faccia in acqua ghiacciata oppure cerca di tossire forte.
  • Inspira profondamente nel frattempo piega la testa verso il basso, verso lo stomaco e fai una leggera pressione sulle palpebre.
  • Se queste tecniche non funzionano, premi leggermente la carotide, con il dito indice e il medio al lato della laringe (conosciuto come pomo di Adamo).

Questi esercizi stimolano il nervo vago per frenare gli impulsi elettrici che controllano il ritmo cardiaco.

Come controllare la tachicardia - Passo 1
2

Stress:

Se quando lo stress aumenta soffri di tachicardia. Pratica alcune tecniche di rilassamento come la respirazione profonda o yoga. O prenditi un po’ di tempo per rilassarti e liberare la tua mente. Magari puoi sdraiarti sul divano e leggere un libro.

Cerca di minimizzare i problemi o cerca di cambiare il modo di affrontare le frustrazioni della vita. Questo può essere un po’ difficile da fare da soli, quindi conviene rivolgersi ad uno specialista – uno psicologo, un istruttore di yoga o l'agopuntura – è facile che in questo modo la lotta contro lo stress sia più facile.

3

Esercizio:

Cerca di trovare un po’ di tempo durante la giornata per rinforzare i muscoli del cuore con degli esercizi. Gli esercizi aiutano il cuore a pompare sangue, il che diminuisce la frequenza cardiaca. Inoltre diminuisce il livello di stress. Ma questo sarà efficace solo se sarai costante nel fare gli esercizi.

4

Dieta:

Come in tutte le diete salutari, bisogna controllare l’assunzione di alcuni alimenti. Elimina dalla tua dieta i carboidrati processati come il pane bianco, cereali raffinati e prodotti del grano raffinati, dolciumi, desserts e bibite gassate. Aggiungi alimenti salutari come i carboidrati complessi con alto contenuto di fibre, pane integrale e riso integrale, verdure, specialmente crude, legumi, frutta, e carne. Se sei vegetariano, due o tre porzioni di legumi a settimana soddisferanno il consumo di proteine.

Come controllare la tachicardia - Passo 4
5

Minerali e vitamine:

Il magnesio agevola la regolarità dei battiti cardiaci, per cui sarebbe utile incrementare gli alimenti ricchi in magnesio nella tua dieta. Li trovi negli spinaci, mandorle, cetriolo, avocado, lenticchie, cipolle, arance, pesche, piselli, fagioli, zucchine, ravanello. Se non riesci ad assumere questi alimenti potresti usare degli integratori di magnesio.

6

Caffeina:

Qualcuno lo definisce la droga da ufficio, ma se riesci a diminuire il consumo di caffeina. È contenuta nel caffè, thé, cioccolata e bibite di vario tipo tra queste quelle gassate. Anche le bibite senza caffeina in realtà contengono caffeina. Questo non vuol dire eliminarle completamente, ma se ti accorgi che il tuo cuore si accelera dopo la seconda tazzina di caffè può darsi che la caffeina sia il motivo della tua tachicardia.

Come controllare la tachicardia - Passo 6

Questo articolo è puramente informativo, in unCOME non abbiamo la facoltà di prescrivere nessuna cura né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo ad andare dal medico nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come controllare la tachicardia, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Malattie ed effetti collaterali.

Consigli
  • In primo luogo consulta il tuo medico. Ricordati di fare degli accertamenti medici e cardiologici

Scrivi un commento su Come controllare la tachicardia

Ti è piaciuto l'articolo?
1 commento
LUCA
DA 4 MESI SONO ALLA RICERCA DELLA CAUSA DEL MIO MALESSERE: 3 EPISODI DI PRONTO SOCCORSO, DIVERSI ECO AL CUORE ED ELETTROCARDIOGRAMMI ESEGUITI, HANNO ESCLUSO PATOLOGIE CARDIACHE. L'HOLTER ESEGUITO, EVIDENZIA SOLO UNA FREQUENZA MEDIA DEL BATTITO CARDIACO UN PO' ALTA E 2 CARDIOLOGI INTERPELLATI HANNO DIAGNOSTICATO UNA TACHICARDIA SOPRAVENTRICOLARE. ASSUMO 2 COMPRESSE AL GIORNO DI RYTMONORM DA 325 MG., CARDIRENE DA 75 MG. E LEXOTAN (5 GOCCE AL MATTINO E 10 LA SERA). CONTROLLO LA TIROIDE, CHE RISULTA A POSTO. UN RX AL RACHIDE CERVICALE, HA EVIDENZIATO CHE GLI SPAZI DISCALI TRA LA C6 E LA C7 RISULTANO RIDOTTI. PER FAVORE, HO LA SENSAZIONE DI NON VENIRNE PIU' FUORI, COSA ALTRO POSSO FARE PER RITORNARE STARE BENE?, GRAZIE!

Come controllare la tachicardia
1 di 4
Come controllare la tachicardia

Torna su