Condividi
Condividi in:

A cosa serve il paracetamolo

condiviso 1 volta
 
A cosa serve il paracetamolo

Uno dei medicinali più popolari tra la popolazione è il paracetamolo, molte persone lo prendono anche senza ricetta medica, pero occorre avere chiaro che è un farmaco e quali sono le sue funzioni.

Sei tra chi prende paracetamolo? Hai il paracetamolo nella dispensa dei medicinali? In questo articolo di unCome ti diremo a cosa serve il paracetamolo, cos'è e come funziona all'interno dell'organismo, ti stupiranno alcuni dati.

Potrebbe interessarti anche: Come prendere il Paracetamolo

Cos'è il paracetamolo?

Questo conosciuto medicinale non è un antipiretico e analgesico, che aiuta a controllare il dolore o malessere leggero o moderato prodotto da nevralgie, procedure chirurgiche minori, febbre prodotta da virus, vaccini, i disturbi articolari, tra gli altri mali minori. Non va ingerito e non va prorogato l'uso per mesi. Inoltre, anche se si può prendere in gravidanza, non ci sono dimostrazioni scientifiche che dimostrino che il prodotto sia sicuro per il feto e la madre, per cui il medico ti dirà cosa è meglio; puoi ampliare le informazioni nel nostro articolo: posso prendere il paracetamolo da incinta?

In che modo il paracetamolo agisce nell'organismo?

Il paracetamolo o acetaminofene è preso per via orale e il suo assorbimento nell'organismo si produce a partire da 30 minuti dopo l'ingestione, distribuendosi a tutti i tessuti e metabolizzandosi attraverso il fegato, ecco perché è molto importante che il medicinale non venga preso senza ricetta né per lunghi periodi per non danneggiare il fegato. Il suo effetto dura circa 3 ore e si elimina in maniera renale nelle seguenti 24 ore.

Precauzioni del medicinale

Anche se è un medicinale utilizzato comunemente nella società, non tutti rispondono bene a questo farmaco e in caso di qualche reazione di sensibilità dopo averlo ingerito, occorre sospendere immediatamente e rivolgersi al medico.

Se i sintomi di dolore persistono dopo un trattamento superiore a 10 giorni, si deve ricorrere a uno specialista per rivedere il trattamento e optare per un'opzione diversa poiché potrebbe aumentare il rischio di danno epatico o sanguinamento del tratto digestivo, persino necrosi epatica.

È importante, mentre si è in trattamento con il paracetamolo, che il paziente non ingerisca bibite alcoliche perché è estremamente tossico e dannoso per l'organismo, oltre a insufficienza epatica, che potrebbe causare la morte.

Dosaggio

Il paracetamolo è un medicinale che può essere ingerito da bambini e adulti con dosi specifiche per età e peso ma negli adulti le dosi raccomandate sono a partire dai 350 mg e fino a 1000 mg ogni quattro ore o ogni sei ore.

Dosaggio per i bambini secondo l'età e il peso

  • Da 0 a 3 mesi: 40 mg.
  • Da 4 a 11 mesi: 80 mg.
  • Da 1 a 2 anni: 120 mg.
  • Da 2 a 3 anni: 160 mg.
  • Da 3 a 5 anni: 240 mg.
  • Da 5 a 8 anni: 320 mg.
  • Da 8 a 10 anni: 400 mg.
  • Da 10 a 12 anni: 480 mg.

Questo articolo è puramente informativo, in unCOME non abbiamo la facoltà di prescrivere nessuna cura né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo ad andare dal medico nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere.

Se desideri leggere altri articoli simili a A cosa serve il paracetamolo, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Medicinali ed integratori.

Consigli
  • Anche se il paracetamolo è molto noto ed efficace nel trattamento, è meglio consultare uno specialista. In primo luogo chiama o vai dal medico e se hai dubbi chiedi al farmacista.
Commenti (0)

Scrivi un commento su A cosa serve il paracetamolo

Ti è piaciuto l'articolo?

A cosa serve il paracetamolo
1 di 3
A cosa serve il paracetamolo