Come curare la disidrosi

Come curare la disidrosi

La disidrosi, conosciuta anche come eczema disidrotico, è un tipo di dermatite acuta che solitamente si presenta sulle mani e, in alcuni casi, sui piedi. È una malattia della pelle, i cui sintomi sono la comparsa di vescicole contenenti del liquido sieroso. Perciò, possiamo affermare che il maggiore problema della disidrosi non è la diagnosi della malattia, ma il trattamento di questa dermatite. Le piccole vescicole, in alcuni casi, si raggruppano alle altre diventando più grandi e generando una sensazione di prurito che crea un notevole fastidio alla persona colpita. Queste vescicole tendono a riassorbirsi con il tempo, ma lasciano la pelle screpolata e secca.

In questo articolo di unCOME ti forniamo alcuni consigli utili su come curare la disidrosi.

Avrai bisogno di:
Passi da seguire:
1

In generale, la presenza di queste vescicole dura tre o quattro settimane, poi si rompono e gradualmente si riassorbono. Ad oggi, è ancora difficile stabilire esattamente quali siano le cause, ma tra i fattori di rischio troviamo:

  • l'allergia ai metalli;
  • lo stress;
  • l'esposizione all'umidità;
  • soffrire di allergie stagionali.

Inoltre, alcune ricerche, suggeriscono che le donne e chi soffre di dermatite atopica hanno maggiori possibilità di contrarre la disidrosi.

2

Non esiste un trattamento definitivo per combattere questa malattia, ma ci sono terapie e farmaci che aiutano considerevolmente a ridurre i fastidi che comporta questa dermatite. Fatte queste importanti premesse, vediamo adesso più nel dettaglio come curare la disidrosi.

3

Oltre alla cura classica, che in molti casi richiede la prescrizione medica per l'acquisto di antistaminici e cortisonici topici, esistono dei rimedi naturali per fronteggiare il problema. Tra questi, ci sono i gel e le creme emollienti a base di Aloe vera che risultano molto utili per alleviare i fastidi generati da questo tipo di dermatite. Inoltre, per combattere il prurito, un altro rimedio casereccio consiste nell'immergere le mani o i piedi in acqua con bicarbonato sodico.

4

Tra i rimedi classici per curare la disidrosi, troviamo:

  • creme di corticosteroidi, che accelerano il processo di riassorbimento e riducono l'insorgenza delle vescicole;
  • antistaminici, molto utili per alleviare il prurito;
  • immunosoppressori, utilizzati specialmente quando non funzionano le altre terapie;
  • bendaggi umidi o freddi, che aumentano l'efficacia delle creme.
5

Se nessuno di questi di rimedi è stato risolutivo, il medico può consigliare di sottoporsi alla fototerapia. Questo trattamento è composto da:

  1. esposizione della pelle alla luce ultravioletta;
  2. assunzione di farmaci che potenziano l'effetto degli ultravioletti.
6

Infine, nei casi più gravi della disidrosi, oltre a ricorrere a cicli di corticosteroidi per via orale, il medico può optare per delle iniezioni di tossina botulinica. Quest'ultima opzione è molto recente, ragion per cui ad oggi non ha ancora ottenuto l'accettazione da parte di tutti i medici.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come curare la disidrosi, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Bellezza e cura della persona.

Consigli
  • La cura della disidrosi può essere frustrante, nel senso che non è facile da debellare, ma non ci si deve scoraggiare.
  • Il trattamento corretto per la cura di questa dermatite acuta deve essere prescritto dal medico.
  • Per la disidrosi sono utili alcune raccomandazioni che si fanno quando si soffre di dermatite da contatto.
  • Si ritiene che lo stress sia uno dei motivi scatenanti della disidrosi, perciò, cercare di ridurre le fonti di stress quotidiane può essere d'aiuto.